La scuola non ha il coraggio della libertà

Una riflessione di Ernesto Galli della Loggia sulle tracce del tema di maturità e, più in generale, sulla scuola. – Corriere della Sera

“Perché invece di chiedere agli studenti, nel momento conclusivo della loro carriera scolastica, di servirsi di quanto hanno imparato negli anni precedenti per organizzare un loro autonomo, personale, ragionare su qualcosa, per esprimere un qualche argomentato giudizio su uomini e vicende del mondo, perché invece di tutto ciò essa decide di chiedere loro solo grigi imparaticci, frasi fatte… “

Continua a leggere sul Corriere della Sera

Precedente La scuola deve innanzitutto formare Successivo Calano gli studenti per il prossimo anno scolastico: meno 23 mila alunni alla scuola primaria e meno 20 mila alle medie e alle superiori.

Lascia un commento